domenica, agosto 27, 2006

National Zitella: il Fitzwilliamii domesticus

Benvenuti alla nostra nuova periodica rubrica scientifica: il National Zitella. In questa seria parentesi biologica/etologica, cercheremo di farvi conoscere specie rare, spesso in via d'estinzione, ma che hanno il notevole pregio di poter suscitare un forte ed immediato interesse da parte delle notoriamente coriacee zitelle dentro. Solo per questo vale la pena di studiarle!

Fitzwilliamii domesticus

Pensi alle zitelle e pensi al gatto. Ma nonostante il gatto (Felix domesticus) occupi nell’immaginario collettivo il ruolo di animale totemico delle singole per scelta (di qualcun altro), esiste un compagno che più del gatto (si avete capito bene: più del gatto) risponde a pieno alle necessità della vera zitella. Ovviamente è rarissimo, leggendario secondo alcuni, e per questa ragione il gatto ha avuto così larga diffusione. Si tratta del Fitzwilliamii domesticus, comunemente noto come il Darcy. Dopo anni di ricerche eccoci pronte a descriverlo da brave naturaliste in base all’olotipo fornitoci dalla cara Jane Austen.
Il Darcy è il compagno perfetto per una zitella, ma perfetto davvero. Deve ancora venire al mondo colei che letto Orgoglio e Pregiudizio non sbavi pensando a Fitzwilliam Darcy, e che non invidi a morte quella acida di Elizabeth Bennet.
(Vi prego, non pensate al recente film con Kira Knightley, lì il Darcy lo hanno sostituito con una classica mozzarella inglese, se proprio averte bisogno di un’immagine-icona del Darcy, vi preghiamo di consultare il documentario BBC in sei capitoli intitolato “Pride and Prejudice”, con Colin Firth nella parte dell’oggetto di studio…)
Di seguito, ecco le sue caratteristiche specifiche:
Darcy è bello.
Darcy è sicuro di se.
Darcy ha carattere.
Darcy è intelligente e spiritoso.
Darcy è ricco, anzi straricco.
Darcy è elegante.
Darcy è spocchioso ma ha ragione di esserlo (vedi sopra…)
Darcy alla fine si rivela, anche generoso e sensibile…

Queste caratteristiche potrebbero bastare per riconoscere un Darcy, ma in realtà il carattere che lo distingue univocamente è il fatto, incredibilmente raro, che un uomo del genere abbia un debole per le ragazze acide, non bellissime, povere, con una famiglia imbarazzante e che lo trattano a pesci in faccia. Probabilmente per questo motivo la fitness del Darcy (inserito nell’elenco delle specie a rischio dal 1814) non è delle più alte, e l’evoluzione tende da tempo a ridurre il numero degli esemplari fino all’inevitabile estinzione; ma in fondo cosa può Darwin contro una zitella in piena rumba ormonale?

9 commenti:

albolo ha detto...

Ma il tipo più intrigante e desiderato dalle zitelle deve essere per forza l'homo pelatus!!! Anche perchè le radici dei capelli rubano spazio al cervello...
Bacioni

albolo ha detto...

ah, dimenticavo...eli, ad altopascio ci sono almeno 6 dentisti: servono informazioni più dettagliate!

Anonimo ha detto...

..non a caso lo stessa palla di attore interpreta la stessa palla d'uomo con lo stesso cognome (ma li' si chiama Mark) in quella deliziosa variazione sullo zitellaggio che e' Bridget Jones. O non ve ne eravate accorte (ma non e' possibile, naturalmente)?
sandro

Eli e Lale ha detto...

ovvio che lo sapevamo...e fra l'altro è stato scelto apposta, perchè la Fielding ha una fissassione ormonale per il Darcy di Colin Firth e ha dato il cognome a mark nel libro in suo onore...per non parlare dei diversi rimandi che compaiono sempre nel primo libro, tipo serata ideale=alcool,cioccolata e la scena di orgoglio e pregiudizio in cui darcy fa il bagno nel lago...zitelle incorreggibili!!

Anonimo ha detto...

Ah, ma allora si gicoa duro!
E dunque: lo dice anche Zadie Smith,quella di Denti Bianche e del recente On Beauty (a sua volta pesantemente ispirato da Howard's end di Forster, quello dell Camera con Vista), che l'uno (BJ) e' un remake dell'altro (P&P):
http://culturespace.typepad.com/index/2005/10/zadie_smith_bri.html
http://us.penguingroup.com/static/rguides/us/on_beauty.html

Sul Fitz un altro blog aveva gia' indetto un concorso:
http://neparliamoacena.blog.kataweb.it/neparliamoacena_di_questo/concorso_a_spremi/index.html

...ma voi siete troppo meglio
sandro

Ele ha detto...

Come dimostrazione che la zittellaggine non è una condizione contingente ma una caratteristica intrinseca della personalità (qualcuno avrebbe parlato in termini di fenomenon e noumenon)confesso che anche per me, ormai un'ex-zittella, l'uomo ideale rimane "Il Darcy".....e come si fa a non adorarlo? E'il classico tipo che quando lo vedi inizi ad affilarti i denti....da morsi!Anche se secondo me ha un grosso difetto:profuma! Scusate ma io sono un pò cignàla!

Anonimo ha detto...

Bella thread verrebbe se la cignàla (Honni soit qui mal y pense!) Ele ci dicesse come e' passata dall'altra parte, e quanto ha portato (e tiene ancora) con se' dal suo stato di Zitellaggio. E quanto del Fitz sognato c'e' nel - mettere un aggettivo adeguato qui - uomo che si e' reso complice orgoglioso (certo! Perche' vuoi metter riuscire a stare proprio con QUELLA..)della dipartita da tale condizione.
Sai, tipo Gli uomini Preferiscono le Bionde, a cui fece seguito il meno celebre Gli Uomini Sposano le Brune (entrambi di A.Loos, in Italia per Sellerio)?
Ma questo e' un blog dove le domande non sono gradite, e i manuali non interessano, per cui chissa'...
;-)
sandro ( e chi senno'?)

Ele ha detto...

Ciao Sandro, sinceramente non lo so neanch'io come e' successo...forse perche' e' cignalo anche lui!!!

Anonimo ha detto...

Si, ele, e' ragionevole. Penso anche alla mia, di esperienze, anni di zitellaggio liceale orgoglioso ed eburneo, e poi... Con buona pace di chi tatticheggia, quello che conta e' accettarsi come cignali (o quel che si e') annusarsi, in senso proprio e non, e poi Buona Grufolata.
Il problema (se e' un problema per loro) sono i cignali e le cignale che pensano di essere bestie altre. O, peggio ancora, quelli e quelle che pensano di essere gia' salsicce...
sandro

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...